Riesenschnauzer al II° Trofeo ENCI di addestramento per razze di Utilità e Difesa 2010

 

Dal 19 al 21 marzo 2010 si è svolto allo stadio di Rivolta d’Adda in provincia di Cremona, il quinto trofeo Enci intitolato quest’anno alla memoria di Sesto Carmelo.

La giuria era composta dai seguenti giudici: per la sezione “A” da Ruggero Zorzan,  per la sezione “B” da Egidio Budelli e per la sezione “C” dallo sloveno Arcon Hari, che giudicherà  la sezione “C”al campionato del mondo FCI del 2010 che si svolgerà in Finlandia.

I partecipanti erano 40 dei quali solo 28 i qualificati.

Sono 5 i non qualificati in pista, 1 ritirato, 7 i non qualificati nella sezione difesa tra cui il nostro Luigi Ruffinatto con la sua Utah v. Erbelfeld.

I figuranti erano Ario De Benedictis per la prima fase e Vincenzo Magnati per la seconda fase, il quale ha per così dire la responsabilità dei molti NQ nella difesa che si sono verificati. La minaccia davvero molto forte sia in modo verbale che fisico e una mobilità a cui non si è abituati, è stata la  responsabile per molti cani, della non riuscita immediata della presa sulla fase dell’attacco lanciato.

Oltre al sopracitato Ruffinatto, si registra la presenza anche di altri due componenti della nostra squadra del mondiale di razza 2009, ossia di Emilio Laise con Iven v. Erbelfeld che con il punteggio 90 94 86 si è piazzato con un ottimo settimo posto in classifica finale, e infine della sottoscritta Vilma Dal Bianco con Thella v.Hatzbacktal che con 84 in pista 75 in obbedienza 81 in difesa classificata al 25° posto.

Tutti e tre eravamo reduci dal nostro campionato sociale che si era svolto solo 15 giorni prima, quindi era passato un lasso di tempo davvero esiguo, ma nonostante tutto abbiamo preso parte al campionato Enci, prova valida anche come selezione per la squadra che rappresenterà l’Italia al campionato del mondo FCI il prossimo settembre.

Quindi tre riesenschnauzer a rappresentare la razza contro l’armata dei malinois e dei pastori tedeschi: Davide contro Golia. Lo sport è comunque confrontarsi anche quando non si hanno grosse possibilità di avvicinarsi ai primi “della classe”.

A proposito dei primi della classe, cito il podio composto da:

I giudizi sono stati molto severi, in linea con il metro di misura dei campionati mondiali FCI.

Abbiamo comunque avuto l’opportunità di essere giudicati  come a un mondiale e questo da l’esatta misura della propria prestazione.

A presto da Vilma e Thella.

 

CHIUDI